19 Lug

Assteas story

Un breve video per invitarvi a visitare il vaso di Assteas, il ratto di Europa che si trova al museo archeologico di Montesarchio. Uno scenario futuristico vi rappresenta le dinamiche costruttive del vaso più bello del mondo ed orgoglio di una Nazione. La sua presenza è osannata in numerosissimi eventi internazionali. La narrazione della sua realizzazione è storia immortale come d’altronde è lo stesso vaso con figurazioni che nonostante i 2400 anni ben consentono di essere apprezzate. Visitarlo una sola volta non può bastare ad essere soddisfatti della sua visione.

05 Lug

La ceramica regina delle arti.

a cura del dott. Maurizio Caso Panza

Appartiene al nostro immaginario collettivo osservare prodotti in ceramica e riflettere che tali prodotti accompagnano da sempre la storia dell’umanità. Si pensi che le prime forme di ceramica ritrovate appartengono al periodo Preistorico e certamente la sua grande presenza, unita alla duttilità e maneggevolezza, ne ha fatto la regina delle materie che potevano essere usate per realizzare oggetti di uso comune.

Gli anni hanno consentito poi di diversificare i suoi numerosi utilizzi con sempre maggior impatto nella vita di ogni uomo, si pensi soprattuto alla ceramica/maiolica/porcella dei pavimenti, difficile pensare un’abitazione senza. La ceramica ha avuto ed ha un ruolo fondamentale nelle nostre vita ed è regina delle arti in quanto pur essendo come detto così vicina a noi ed intrisa di storia e ricerca, e basta poco per apprezzarla.

Procida
24 Giu

Narrazione video

La V edizione del premio internazionale Assteas è stata oggetto di varie riprese fra le quali segnaliamo quella che segue.

Un ringraziamento all’Assessore del Comune di Montesarchio, Morena Cecere che l’ha pubblicata su YouTube.

21 Giu

Premio Assteas, i vincitori

Si è conclusa nel pomeriggio di ieri presso il Museo Archeologico Nazionale del Sannio Caudino di Montesarchio la V Edizione del “Premio Internazionale Assteas” dal tema “La natura e l’ambiente”.La mostra è stata allestita dal 22 al 30 maggio, una settimana che ha visto la presenza di tantissimi visitatori che hanno apprezzato le opere in gara e partecipato a tantissime attività tra convegni, laboratori ed incontri di lettura.Le 38 opere in gara sono state giudicate da una giuria composta da: Costantino Caturano – Presidente Ente Parco del Taburno Camposauro; Antonio Salerno – Direttore del Museo Archeologico del Sannio-Caudino; Salvatore Oppido – Giudice della Manifestazione; Katarzyna Królikowska-Pataraia – Giudice della Manifestazione; Morena Cecere – Assessore con delega ai Beni culturali, Turismo, Promozione ed eventi del Comune di Montesarchio; Gaetano Branca – Presidente di Giuria; Emilio Bilotta – Direttore Artistico della Manifestazione; Antonella Nigro – Direttore Critico della Manifestazione.Di seguito l’elenco degli artisti premiati: Gagliardi Marco – Premio Riciclo; Davide Mirabella – Premio Ambiente; Adriana Ferri 1° posto Modellato; Danilo Rizzi 2 ° posto Modellato; Iacono Luigi Marco 3° posto Modellato; Laura Marmai 1° Posto Decorato, Fabio Fenzi 2° Posto Decorato; Francesca D’Elia 3° Posto Decorato; Nicola Pica – Premio Opera di Riferimento della V edizione – Antonino Maddonni – Riconoscimento alla Carriera; Dino Vincenzo Patroni – Riconoscimento alla Carriera; Vittorio Fumasi – Riconoscimento alla Carriera.“Sono molto colpito dalla sensibilità degli artisti, che hanno saputo cogliere al meglio il tema che è stato scelto per questa V edizione che per la prima volta è stata organizzata insieme all’Ente Parco nel bellissimo Museo Archeologico del Sannio Caudino.Il connubio natura e arte, ritengo sia stato utile a descrivere le bellezze presenti nell’area protetta del Taburno Camposauro, che abbiamo il compito di valorizzare ma anche di proteggere da comportamenti sbagliati e poco rispettosi che purtroppo l’uomo ancora commette nei confronti dell’ambiente.Devo dire che ogni opera d’arte fa riflettere sul legame profondo che l’uomo ha con la natura, per questo ringrazio gli artisti e gli organizzatori del premio, perché hanno permesso di collegare attraverso tale mostra, la cultura, la storia e il parco del Taburno Camposauro.Un grazie per la collaborazione va anche a Morena Cecere, assessore del Comune di Montesarchio, e al direttore del Museo, Antonio Salerno. “Fare rete” tra istituzioni, ritengo sia la strategia giusta per riuscire a raggiungere importanti traguardi in termini di promozione turistica del territorio. Non ci siamo inventati niente di nuovo ma a volte nel Sannio dimentichiamo che solo cooperando possiamo raggiungere validi risultati. Per questo come Ente Parco sono fin da subito disponibile a collaborare per la prossima edizione del premio Assteas”. Ha dichiarato il Presidente dell’Ente Parco Regionale del Taburno Camposauro, Costantino Caturano.“La manifestazione è riuscita, il contest è stato apprezzato dagli artisti italiani e da quelli stranieri che hanno realizzato opere significative che descrivono in diversi casi un mondo danneggiato e devastato dal non rispetto della natura.Alcune opere mettono in luce la necessità di assumere un atteggiamento responsabile verso l’ambiente, un messaggio importante che siamo orgogliosi di essere riusciti a trasmettere ai tanti visitatori ed appassionati d’arte. Un grazie di cuore al Presidente Caturano che ha creduto e sostenuto la V edizione del premio Assteas. La sua passione e intraprendenza fanno ben sperare che le cose cambino in positivo nel parco del Taburno Camposauro.” Ha concluso il Presidente e Curatore del Premio Assteas Maurizio Caso Panza.

26 Mag

Inaugurata la V edizione

Il premio internazionale Assteas è stato inaugurato il giorno 22 alle ore 17.00 presso il Museo Archeologico Nazionale Sannio-Caudino di Montesarchio (Bn).

Numerosi gli artisti ed i visitatori che hanno

57 opere in esposizione che raccontano il connubio tra la natura del parco e l’arte, un legame capace di descrivere la meraviglia della biodiversità ma anche di denunciarne il non rispetto.

Il Direttore del Museo, Antonio Salerno, ha fatto gli onori di casa:”Bello vedere l’espressività in cui gli artisti si sono confrontati con tanti temi e forme diverse esprimendo la loro creatività prendendo ispirazione dalla natura in tutte le sue forme. Sono contento che una mostra di tale livello si tenga presso il Museo, cosa questa importante per potenziare l’offerta turistica e culturale del nostro territorio”.

Il Presidente dell’Ente Parco, Costantino Caturano, ha rimarcato la volontà di celebrare la biodiversità attraverso le splendide opere degli artisti in gara: “Quando un anno fa ci hanno proposto di organizzare la V edizione del Premio Assteas come Ente Parco in quanto il tema sarebbe stato la natura e l’ambiente del parco, ho subito accettato la sfida nella convinzione che un Ente che gestisce un’area protetta debba diventare una vera e propria agenzia di sviluppo, capace di far conoscere e di promuovere oltre alle bellezze naturalistiche anche la storia, l’arte e la cultura che da sempre sono legate alla natura. Sicuramente ammirare un’opera d’arte che raffigura la natura, suscita in ognuno di noi un pensiero ed una riflessione rispetto alle tematiche ambientali. Questa è la forza dell’arte collegata alla natura. La mostra che si inaugura oggi rientra nelle azioni progettuali che l’Ente Parco sta attuando da tempo per potenziare il cosiddetto turismo green, coinvolgendo associazioni e persone che in maniera silenziosa ma costante lottano per tutelare e valorizzare la nostra area protetta.’’

Morena Cecere, Assessore alla cultura in rappresentanza del Comune di Montesarchio, ha quindi proprio rimarcato questa intesa : “Siamo felci di promuovere sul territorio iniziative come questa che colgono il punto focale del nostro impegno: una grande attenzione all’identità locale ma anche a nuove forme di turismo. Nella stagione della ripartenza è emozionante vedere il museo che rivive attraverso l’essenza dell’ arte e come Comune saremo sempre al fianco dell’Ente Parco in questa come in altre iniziative che organizzeremo insieme”.
L’apertura ufficiale della mostra è stata affidata a Maurizio Caso Panza , Presidente e curatore del premio, che ha spiegato come: ‘’Le opere segnano un percorso significativo e narrano le bellezze della natura ma anche i danni che l’uomo ha fatto quando non l’ha rispettata. Grazie all’Ente Parco e alla sensibilità del Presidente Caturano siamo riusciti ad organizzare la V edizione del Premio Assteas proprio nel luogo più importante e significativo per l’arte e la storia del Sannio. La speranza è quella di appassionare i tanti visitatori che per una settimana potranno ammirare le opere capaci di trasmettere sensazioni uniche, sensibilizzandoli al contempo anche su temi di tutela ambientale. I dettagli della manifestazione sono stati snocciolati dal Direttore Artistico Arch. Emilio Bilotta per giungere alle opere da parte del Direttore Critico Antonella Nigro. Le poetesse Graziella Bergantino e Stefania Siani, hanno poi interpretato due componimenti sulla necessita di tutelare l’ambiente.

21 Mag

Assteas Prize, al via alla V edizione

Verrà inaugurata sabato 22 alle ore 17.00 presso il Museo del Sannio Caudino la V edizione del premio internazionale Assteas per ceramiche ed arti plastiche presieduta dal dott. Maurizio Caso Panza. La manifestazione ha ricevuto un grande interesse in quanto si svolgerà proprio dove si trova l’importante vaso di Assteas, definito il vaso più importante del mondo, proprio a voler ricordare la grande maestria del ceramografo attraverso le opere contemporanee come per altro rappresentato dal direttore del Museo del Sannio Caudino dott. Antonio Salerno.

L’importante evento nasce con la grande collaborazione dell’Ente Parco del Taburno presieduta dal dott. Costantino Caturano e del Comune di Montesarchio il cui Assessore Morena Cecere è anche presente in giuria. La direzione artistica del premio è assegnato all’arch. Emilio Bilotta di Ariano Irpino (AV), la direzione critica è assegnata alla dott.ssa Antonella Nigro, docente, storica e critica dell’arte di Agropoli (SA). Nella giuria vi è Katarzyna Krolikowska-Pataraia, docente di Conservazione dell’Accademia di Belle Arti e Restauro di Varsavia, Salvatore Oppido (NA), già docente, accademico ed artista, mentre quale presidente di giuria Gaetano Branca, della fornaci BrancaTerra di Carife (AV). Gli artisti in esposizione sono 42 per complessive 64 opere e dalla Sicilia al Veneto dalla Polonia.

Il programma della manifestazione cui sono interessati gli artisti: “Paola Abbondi, Graziella Bergantino, Elisabetta Bessi, Marcantonio Bibbiani, Leonildo Bocchino, Daria Bollo, Michelina Camputaro, Elisabetta D’Arienzo, Vincenza D’Arienzo, Felice De Falco, Francesca D’Elia, Fabio Fenzi, Adriana Ferri, Vittorio Fumasi, Gagliardi Marco, Goglia Mariano, Anna Maria Gammaldi, Erminia Guarino, Luigi Marco Iacono, Carmine Lengua, Antonino Maddonni, Laura Marmai, Massimiliano Mascolini, Rossella Mazzitelli, Davide Mirabella, Lucio Monaco, Iolanda Morante, Luciana Napoli, Cosimino Panza, Roberto Paolini, Dino Vincenzo Patroni, Nicola Pica, Maria Cristina Piccirillo, Danilo Rizzi, Andrea Roggi, Aniello Saravo, Ketty Siani, Stefania Siani, Marilena Summa ( Mary Piratessa), Mimmo Tripodi, Alfredo Verdile, Vojnic’ Renata, Wolf Wanda” è ricco di eventi collaterali come di seguito si riporta: 22 maggio 2021 – Inaugurazione ore 17,00. Si procederà alla presenza delle autorità e degli artisti all’inaugurazione del premio. In particolare alla presenza del Sindaco di Montesarchio il dott. Antonio Salerno, direttore del Museo Sannio-Caudino, rappresenterà il Museo e le opere archeologiche presenti, il dott. Costantino Caturano, presidente dell’Ente Parco del Taburno, rappresenterà il connubio Ambiente-Ceramica, il direttore artistico del premio Assteas Arch. Emilio Bilotta il direttore critico dott. Antonella Nigro e il presidente dott. Maurizio Caso Panza faranno un excursus sul premio dal suo nascere. Il premio sarà visitabile tutti i giorni dalle 09.30 alle 19.00. Lunedi Chiuso.

Eventi collaterali:

Giorno 26 maggio dalle ore 17.00.Convegno e studi a cura dell’Ass. Culturale Xarte sul connubio ambiente-ceramica con riferimenti storiografici sul Sannio ove la ceramica era conosciuta dal neolitico e la peculiarità dell’ambiente.

Giorno 27 maggio dalle ore 17.00.Presentazione dello scrittore Giuseppe Tecce e del progetto “l’Agente della terra di mezzo” che narra un viaggio in luoghi che ripercorrono la bellezza e la necessità di tutela.

Giorno 28 maggio dalle ore 17,00.Corso gratuito formativo con relativo attestato di “Fotografia contemporanea” a cura del dott. Angelo Orsillo, direttore dell’Accademia della Fotografia Julia Margaret Camerun di Benevento.

Giorno 29 maggio dalle ore 17,00.La bellezza e il dolore – Iconografie pandemiche – Conferenza a cura della prof.ssa Antonella Nigro. Uno studio attraverso le opere di artisti che hanno vissuto e descritto epidemie e momenti di crisi sociale.

Giorno 30 maggio dalle ore 16,30.Presentazione del libro di poesie di Stefania Siani ed a seguire chiusura della quinta edizione del Premio Internazionale Assteas con consegna degli attestati e dei premi agli artisti in concorso. Saluto degli organizzatori e delle autorità. Foto di gruppo con gli artisti partecipanti.

17 Mag

Si presenta la V edizione.

Scrive l’associazione Culturale Xarte: Martedì 18 maggio dalle ore 11.00 presso il Museo Sannio-Caudino di Montesarchio, alla presenza del direttore dott. Antonio Salerno e del presidente dell’Ente Parco Naturale Regionale Taburno-Camposauro dott. Costantino Caturano, verrà presentata la V edizione del premio internazionale Assteas per ceramica ed arti plastiche.

Il presidente del premio Assteas, dott. Maurizio Caso Panza, rappresenta che ritorna l’arte internazionale di cui Assteas ne è espressione data anche la presenza in giuria della docente Katarzyna Krolikowska-Pataraia, docente di Conservazione dell’Accademia di Belle Arti e Restauro di Varsavia, con dottorato di ricerca presso l’Università di Scienza della Vita e che si occupa di ceramica dal 2009 essendo membro della Polish Ceramic Association. La direzione artistica del premio è assegnato all’arch. Emilio Bilotta di Ariano Irpino (AV), la direzione critica è assegnata alla dott.ssa Antonella Nigro, docente, storica e critica dell’arte di Agropoli (SA). Nella giuria unitamente a Katarzyna vi è Salvatore Oppido (NA), già docente, accademico ed artista, mentre quale presidente di giuria Gaetano Branca, della fornaci BrancaTerra di Carife (AV).

Il premio Assteas, nel richiamare gli artisti a sviluppare opere in ceramica ed arti plastiche, vuole dare importanza al più famoso artista ceramista che la storia del nostro territorio ci tramanda Assteas appunto. Va ricordato che è proprio di Assteas il cratere “Ratto di Europa”, definito come “il vaso più bello del mondo e rinvenuto in Sant’Agata Dei Goti (BN) e con una peripezia, anch’essa da mitologia, ritornato nel suo territorio.

Il tema della manifestazione è “la natura e l’ambiente” in sinergia con il grande lavoro prodotto dall’Ente Parco del Taburno-Camposauro diretto del dott. Costantino Caturano a convogliare quella grande espressività che la natura prima che l’uomo pone al mondo dando esempio di grande impegno nella sua tutela e nella sua conoscenza.

15 Apr

Arriva la mascotte

Presentata l’opera del maestro Nicola Pica, quale mascotte del premio internazionale Assteas.

L’associazione Xarte attreaverso il presidente, dott. Maurizio Caso Panza, comunica che l’opera del maestro Nicola Pica, appositamente prodotta, sarà la moscotte di questa V edizione del premio internazionale Assteas e che richiama la tematica “Natura ed Ambiente”.L’opera ha un elevato valore simbolico e storiografico in quanto riprende nella dimensione di 140 cm di diametro, la raffigurazione del vaso “Il ratto di Europa” in cui Zeus, ormai trasformato in toro, ha sul dorso Europa e corre attraverso il mare fino all’isola di Creta. La storia narra che Zeus si rivelò ad Europa ma lei resistette. Successivamete il dio si trasformò in aquila e riuscì a sopraffarla in un bosco di salici o, secondo altri, sotto un platano sempre verde. Zeus fece a Europa i doni del Talo, di Laelaps e di un giavellotto che non sbagliava mai il bersaglio ed a ricordo del suo intenso amore ricreò la forma del toro bianco nelle stelle che compongono la Costellazione del Toro. Le adesione al premio hanno coinvolto numerosi artisti da varie parti d’Italia come da paesi europei in particolare dalla Polonia in quanto in giuria vi è Katarzyna Krolikowska-Pataraia, docente di Conservazione dell’Accademia di Belle Arti e Restauro di Varsavia. La direzione artistica del premio è assegnato all’arch. Emilio Bilotta di Ariano Irpino (AV), la direzione critica è assegnata alla dott.ssa Antonella Nigro, docente, storica e critica dell’arte di Agropoli (SA). Nella giuria unitamente a Katarzyna vi è Salvatore Oppido (NA), già docente, accademico ed artista, mentre quale presidente di giuria Gaetano Branca, della fornaci BrancaTerra di Carife (AV). Si ricorda che il premio internazionale Assteas ha tra i suoi scopi quello di far conoscere Assteas ed il vaso “Il ratto di Europa” definito il vaso più bello del mondo ma anche quello di stimolare un turismo culturale rendendo fruibile quanto di più possibile aspetti e circostanze non sempre note.

16 Mar

Adesioni sino al 15 aprile

Con una nota stampa, il presidente Maurizio Caso Panza ci riferisce che sono stati prorogati i termini di adesione alla V edizione del premio internazionale Assteas sino al 15 aprile pv. Questa proroga è stata adottata come riferisce il direttore artistico Arch. Emilio Bilotta, per fare fronte alle numerose adesioni ma anche per poter meglio definire le condizioni espositive che al momento non consentono a seguito dello stop normativo per contrastare il Covid di realizzare grandi eventi d’arte.

06 Feb

La giuria del premio

Nel nostro DNA c’è stato sempre l’artista e le sue opere che vogliamo far conoscere al mondo attraverso la storia di Assteas, del suo vaso, definito il più bello del mondo, scrive il presidente del premio internazionale Assteas dott. Maurizio Caso Panza, così che le nostre collaborazioni in ambito internazionale sono aumentate di anno in anno perché Assteas stimolava curiosità e fascino.

In linea con tali obbiettivi, divenuti di anno in anno sempre più ambiziosi, per questa V edizione del premio internazionale Assteas nella giuria del premio vi è Katarzyna Krolikowska-Pataraia, docente di Conservazione dell’Accademia di Belle Arti e Restauro di Varsavia, con dottorato di ricerca presso l’Università di Scienza della Vita e che si occupa di ceramica dal 2009 essendo membro della Polish Ceramic Association.

La direzione artistica del premio è assegnato all’arch. Emilio Bilotta di Ariano Irpino (AV), la direzione critica è assegnata alla dott.ssa Antonella Nigro, docente, storica e critica dell’arte di Agropoli (SA). Nella giuria unitamente a Katarzyna vi è Salvatore Oppido (NA), già docente, accademico ed artista, mentre quale presidente di giuria Gaetano Branca, della fornaci BrancaTerra di Carife (AV).

Vai alla barra degli strumenti